Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori
comunicazione
IN PRIMO PIANO

RIFIUTI, TRENTINO ALTO ADIGE SI CONFERMA REGIONE VIRTUOSA


Il 10 e l’11 settembre a Trento, nella cornice di Panorama d’Italia, Cobat presenta i dati sulla raccolta e il riciclo nelle province autonome
09/09/2015

Tablet, computer, televisori e moduli fotovoltaici. Ma anche batterie per auto, pile e pneumatici. In Trentino Alto Adige tutto si raccoglie e tutto si ricicla. Lo confermano i dati di Cobat – Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo – che verranno presentati nel corso della tappa trentina di Panorama d’Italia, il tour dedicato alle eccellenze della Penisola organizzato dal settimanale Panorama

Il dato più significativo resta quello delle batterie al piombo, comunemente utilizzate nelle automobili. Sono 1.689 le tonnellate raccolte da gennaio ad agosto 2015, in crescita rispetto alle 1.670 dello stesso periodo dell’anno precedente. In tutto il 2014, sono state raccolte 2.650 tonnellate. Una cifra che potrebbe essere superata quest’anno. 

 

Nei primi 8 mesi del 2015, sono oltre 190 le tonnellate di RAEE raccolte dal Consorzio. L’acronimo sta per Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. Prodotti presenti in maniera massiccia in ogni casa: elettrodomestici, pc, smartphone, tablet e ogni tipo di dispositivo dotato di spina o batteria. Rientrano nella categoria anche i pannelli solari, ormai sempre più diffusi sui tetti delle province di Trento e Bolzano e che possono essere interamente riciclati. 

A completare il quadro ci sono le oltre 20 tonnellate di pile portatili raccolte, più di 73 quelle di pneumatici fuori uso. 

“Al di là delle tonnellate raccolte, il dato più interessante riguarda i cosiddetti punti di prelievo: le isole ecologiche comunali, le officine, i distributori e i ricambisti di batterie, i box e tubi per la raccolta delle pile che si trovano nelle tabaccherie e nei supermercati – spiega Claudio De Persio, direttore operativo di Cobat – Nella provincia di Trento ce ne sono 460, in quella di Bolzano sono oltre 600. Un numero impressionante che conferma che una rete capillare è la base di un sistema di raccolta e riciclo che funziona”. 

“Cobat – continua De Persio – raccoglie e avvia al riciclo, in tutta Italia, batterie al piombo, pile portatili, RAEE, inclusi i moduli fotovoltaici, e pneumatici. Un servizio integrato efficace ed efficiente che fa della presenza sul territorio il suo punto di forza. Il nostro network logistico è costituito da 90 Punti Cobat distribuiti omogeneamente da nord a sud. A Trento il nostro referente è la ditta Rigotti F.lli, a Bolzano il Gruppo Santini.” 

 

Cobat sarà presente, con il direttore operativo Claudio De Persio, il 9 settembre, presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Trento, Aula Kessler, al dibattito “Trento e le valli della crescita” (orario di inizio: 9.30). 

 

Venerdì 11 settembre il Punto Cobat Rigotti parteciperà al convegno “Un incontro di eccellenze”, a partire dalle 10 sempre presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Trento, Aula Kessler

Panorama d’Italia è un “viaggio” alla scoperta delle grandi bellezze nascoste d’Italia. Il tour coinvolge dieci città (Napoli, Vicenza, Pisa, Varese, Matera, Trento, Spoleto, Modena, Bari e Palermo) con un cartellone di eventi tra politica, società, economia, cultura e spettacolo. E ancora, tavole rotonde, convegni, incontri dedicati al mondo dell’università e delle startup. Cobat è l’anima green di questo evento itinerante e racconterà, avvalendosi della ricca rete di partner che lo contraddistingue, le eccellenze imprenditoriali nel settore dell’ambiente, tra buone pratiche, nuovi modelli di business e l’ambizioso obiettivo “rifiuti zero”. 

Per il calendario completo degli eventi, clicca qui

 

Ufficio Stampa Cobat 

Gianluca Martelliano - Comunicazione e Marketing 

Tel. 06.48795217 - mob. 338.7453147 ufficiostampa@cobat.it