Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori
comunicazione
IN PRIMO PIANO

MARCHE, DAL RICICLO UN TESORO NASCOSTO


I dati di Cobat e Cosmari: 144 mila tonnellate di rifiuti urbani raccolti a Macerata, 7 mila tonnellate di prodotti tecnologici avviati al riciclo in regione
20/04/2016

Oltre 144 mila tonnellate di rifiuti urbani raccolti l’anno scorso solo in provincia di Macerata. È il peso di 10 torri di Pisa impilate una sopra l’altra. Ma c’è di più: i prodotti più preziosi da riciclare – quelli tecnologici – in tutte le Marche sono stati pari, nel 2015, a più di 7 mila tonnellate, l’equivalente sulla bilancia di 225 yacht da 30 metri. Beni che, opportunamente raccolti e trattati, hanno generato nuove materie prime da reimmettere nel ciclo produttivo, con un beneficio importante non solo per l’ambiente ma anche per l’economia locale. Sono questi i dati forniti da Cobat – Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo e Cosmari nel corso della tappa maceratese di Panorama d’Italia, una quattro giorni di eventi dedicati alle eccellenze del territorio organizzata dal settimanale Panorama.

 
Nel 2015 Cobat, storico consorzio che si occupa di raccogliere e avviare al riciclo rifiuti tecnologici, ha raccolto da solo presso ogni cittadino marchigiano (minori inclusi) una media di circa 4 chili e mezzo di pile, batterie, pneumatici, computer, televisori, moduli fotovoltaici, elettrodomestici e qualsiasi altro prodotto dotato di spina. Un’attività a chilometro zero, considerato che la rete logistica regionale è particolarmente capillare e conta 4 Punti Cobat (Carbonafta & Carbometalli, Adriatica Rottami, CoFerMetal e SiderRottami), aziende autorizzate alla raccolta di qualsiasi tipologia di rifiuto, e due impianti di trattamento: uno dedicato ai rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, Puliecol di San Severino Marche (MC), e uno agli pneumatici fuori uso, Marche Recycling di Fabriano (AN).
 
“Bisogna andare oltre il vecchio concetto di rifiuto – spiega Luigi De Rocchi, responsabile Studi e Ricerche di Cobat – Riciclare, oggi, significa abbattere le emissioni di CO2 e ottenere nuove materie prime senza il bisogno di estrarle o importarle. Per farlo, serve una struttura all’avanguardia che sappia anche fare ricerca, per imparare a recuperare i nuovi prodotti che si trovano sul mercato. L’esempio più eclatante è quello delle batterie al litio: Cobat è al lavoro con il CNR per trovare un sistema sostenibile per recuperare tutti gli elementi che le compongono. Questo potrebbe abbattere il costo delle stesse batterie e, di riflesso, dei prodotti alimentati da queste, come le auto elettriche, dando un nuovo impulso alla mobilità green.”
 
Nel contesto marchigiano, Macerata spicca per l’attenzione all’ambiente da parte dei cittadini e delle amministrazioni locali. Secondo i dati di Cosmari, l’azienda che si occupa della gestione integrata dei rifiuti nell’ATO 3, il tasso di raccolta differenziata della provincia maceratese nei primi tre mesi del 2016 ha oltrepassato il 75%, con punte di quasi l’87% in alcuni comuni. Risultati che superano di oltre venti punti percentuali la media italiana e che vanno ben oltre il target del 65%.
 
“Abbiamo raccolto con piacere l’invito di Cobat a partecipare al prestigioso appuntamento di Panorama d’Italia – aggiunge Marco Graziano Ciurlanti, presidente di Cosmari - Del resto la proficua collaborazione con Cobat da un lato ci consente di recuperare e avviare a riciclo, grazie alla sensibilità dei cittadini dei comuni maceratesi, sempre più batterie esauste, salvaguardando l’ambiente da un rifiuto che se smaltito in maniera non corretta può provocare gravi danni, e dall’altro ci permette, ancora una volta, di presentare il nostro ciclo integrato di gestione dei rifiuti e i nostri progetti. Essere stati inseriti tra le “Eccellenze” maceratesi, al pari di altre importanti aziende, ci inorgoglisce e testimonia come Cosmari sia una realtà ambientale apprezzata anche a livello italiano.”

 

PROGRAMMA

Venerdì 22 aprile
 Ore 10.00, Teatro Don Bosco: convegno “Macerata e le sue eccellenze”.
Intervengono Marco Ciurlanti, presidente di Cosmari, Rossano Bartoli (Lega del Filo d’Oro), Adolfo Guzzini (iGuzzini illuminazione), Marcello Mancini (Performance Strategies), Andrea Novelli (Simest), Nando Ottavi (Nuova Simonelli), Paolo Pagnanini (Labware), Annarita Pilotti (Loriblu).
Modera Giorgio Mulè, direttore di Panorama.
 

Ore 17.00, Teatro Lauro Rossi: “I grandi eventi di Focus: Ambiente, Clima ed Energia”.
Intervengono Luigi De Rocchi, responsabile Studi e Ricerche di Cobat, Chiara Boschi (Igg-CNR di Pisa), Guido Guidi (Aeronautica Militare).
Modera Jacopo Loredan, direttore di Focus.
 

Panorama d’Italia è un tour organizzato dal settimanale Panorama per scoprire le eccellenze della Penisola. Con eventi, incontri e dibattiti, l’iniziativa coivolge dieci città: Genova (30 marzo – 2 aprile), Macerata (20 – 23 aprile), Perugia (11 – 14 maggio), Padova (8 – 11 giugno), Ravenna (29 giugno – 2 luglio), la Costiera Amalfitana (7 – 10 settembre), Cagliari (28 settembre – 1 ottobre), Milano (16 – 22 ottobre), Mantova (9 – 12 novembre) e Trapani (23 – 26 novembre).

 

Per il calendario completo degli eventi di Macerata, clicca qui.