Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori
comunicazione
IN PRIMO PIANO

LIGURIA, L’ECONOMIA CIRCOLARE CONVIENE A IMPRESE E CITTADINI


Presentati a Genova i dati regionali di Cobat: 4 mila tonnellate di rifiuti tecnologici raccolti e trasformati in nuove risorse per il territorio
31/03/2016

Quattromila tonnellate di rifiuti tecnologici raccolti in Liguria solo nel
2015. L’equivalente in peso di quasi 25 aerei del tipo Boeing 747 per una regione di appena 5.400 chilometri quadrati. Una montagna di smartphone, tablet, elettrodomestici e batterie che, vittime dell’usura o dell’incessante innovazione tecnologica, sono stati gettati e successivamente trasformati in nuove materie prime. Sono questi i dati presentati da Cobat - Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, nel corso del convegno “Economia circolare: il riciclo come opportunità per il territorio”, tenutosi alla Camera di Commercio di Genova, nell’ambito di Panorama d’Italia, una quattro giorni di eventi organizzata dal settimanale Panorama.

Nella complessa geografia ligure, fatta di catene montuose che si affacciano sul mare, strade impervie e piccoli centri, Cobat nel 2015 ha effettuato oltre 3500 ritiri di pile e accumulatori esausti, rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, moduli fotovoltaici e pneumatici (una media di quasi 10 al giorno) presso 3.130 imprese e isole ecologiche. Una raccolta capillare che, grazie a una rete di logistica e trattamento costituita nella regione dai due Punti Cobat Cerosillo e Liguroil, ha permesso di raggiungere qualsiasi comune, dalla costa all’entroterra.


“Affidarsi a un partner esperto e in linea con la legge e i migliori standard ambientali è una scelta che paga – ha spiegato Giancarlo Morandi, presidente di Cobat – L’economia del territorio ligure ha tratto beneficio da questa attività di raccolta capillare di rifiuti tecnologici. Stiamo parlando di prodotti che possono essere trasformati in ricchezza. Da una batteria per auto di 14 kg, ad esempio, siamo in grado di estrarre 8 kg di piombo che viene reimmesso nel mercato, con benefici per l’ambiente e per il sistema economico, che così non deve importare nuove materie prime”.


“L’approccio di Cobat – aggiunge Claudio De Persio, direttore operativo del consorzio – è di tipo collaborativo. Stringiamo accordi con gli enti locali e le associazioni che rappresentano sul territorio produttori di beni e imprese che hanno la necessità di gestire i propri rifiuti, nell’ottica di intercettare quanti più prodotti a fine vita e offrire un servizio personalizzato in base alle esigenze delle imprese.”


L’economia circolare, sempre più in cima all’agenda politica europea, prevede un sistema in cui il rifiuto non esiste più, ma tutto viene riciclato o riutilizzato, rientrando nel ciclo produttivo. Una vera e propria rivoluzione che, in parte, avviene già adesso anche in Liguria. Ma di strada da fare ce n’è ancora molta, soprattutto sul fronte della lotta all’illegalità.


“Molte aziende si rivolgono a soggetti non autorizzati, pensando di risparmiare. In realtà non è così – commenta De Persio – Oltre al rischio di sanzioni, peraltro piuttosto salate, queste pratiche creano una turbativa di mercato che genera concorrenza sleale, altera i reali costi di gestione dei rifiuti e crea danni all’ambiente e, di riflesso, alla salute. Su questo fronte, è fondamentale l’azione delle forze dell’ordine, con cui collaboriamo attivamente. Ma serve soprattutto una maggiore coscienza ambientale da parte di tutti, cittadini e imprese. Serve la consapevolezza che l’economia circolare, oltre a tutelare l’ecosistema, genera ricchezza e posti di lavoro. Soprattutto a livello locale.”


Cobat è presente a Genova ai seguenti eventi:
Giovedì 31 marzo
Ore 17, Camera di Commercio – Sala del Bergamasco: convegno “Economia circolare: il riciclo come opportunità per il territorio”. Intervengono Giancarlo Morandi, presidente di Cobat, e Claudio De Persio, direttore operativo del consorzio.

Venerdì 1 aprile
Ore 10, Palazzo Lercari Parodi: convegno “Genova e le sue eccellenze”. Interviene Claudio De Persio, direttore operativo di Cobat
Ore 18.30, Acquario di Genova: “I grandi incontri di Focus: Ambiente, Clima ed Energia Ecosostenibile”. Interviene Giancarlo Morandi, presidente di Cobat.


Panorama d’Italia è un tour organizzato dal settimanale Panorama per scoprire le eccellenze della Penisola. Con eventi, incontri e dibattiti, l’iniziativa coivolge dieci città: Genova (30 marzo – 2 aprile), per poi toccare Macerata (20 – 23 aprile), Perugia (11 – 14 maggio), Padova (8 – 11 giugno), Ravenna (29 giugno – 2 luglio), la Costiera Amalfitana (7 – 10 settembre), Cagliari (28 settembre – 1 ottobre), Milano (16 – 22 ottobre), Mantova (9 – 12 novembre) e Trapani (23 – 26 novembre).

 

Per il calendario completo degli eventi di Genova, clicca qui.