Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori
Trasportatori
comunicazione
IN PRIMO PIANO

Cobat festeggia 25 anni di eccellenza


In occasione della cerimonia si terrà un convegno sui temi della responsabilità condivisa e della collaborazione per riflettere sulle nuove sfide per l’economia e l’ambiente
26/09/2014

Un esempio di eccellenza della green economy italiana che, con oltre 700 Produttori/Importatori soci e 90 aziende autorizzate alla raccolta a livello nazionale, effettua più di 150mila interventi ogni anno per l’avvio al riciclo dei rifiuti presso 7 Impianti di recupero del piombo e 11 per il trattamento dei RAEE. Forte di questi risultati, Cobat-Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo celebra oggi al Waldorf Astoria Rome Cavalieri il suo 25esimo anno di attività.

 

Una storia attraverso la quale è possibile ripercorrere l’evoluzione del sistema di gestione dei rifiuti nel nostro Paese. Da Consorzio Obbligatorio leader in Europa nella raccolta e nel riciclo delle batterie al piombo esauste, infatti, Cobat ha esteso il proprio ambito di operatività a pile e accumulatori esausti, RAEE, pannelli fotovoltaici giunti a fine vita e pneumatici fuori uso, divenendo il primo Consorzio multifiliera in Italia, in grado di servire oltre 80mila produttori di rifiuto tra artigiani, officine, distributori e isole ecologiche.

 

Servendosi di un innovativo sistema di tracciabilità, che dall'immesso al consumo arriva fino agli impianti di riciclo, Cobat garantisce ai propri soci la manleva da responsabilità e la valorizzazione del rifiuto. Ad attestare ulteriormente la professionalità e la trasparenza delle proprie attività, il Consorzio è l'unico sistema italiano del settore a essere dotato delle certificazioni ISO 9001, ISO 14001 e EMAS.

 

Nel corso del pomeriggio storici partner di Cobat interverranno nel panel, moderato da Tessa Gelisio, “Responsabilità condivisa e collaborazione: le nuove sfide per l’economia e l’ambiente”: Vittorio Cogliati Dezza, Presidente Legambiente; Maurizio Pernice, Direttore Generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare; Paolo Palleschi, Presidente EPR Comunicazione; Luciano Morelli, Presidente Confindustria Caserta; Raimondo Orsini, Direttore Generale Fondazione per lo sviluppo sostenibile. 

 

La nostra storia - ha dichiarato Giancarlo Morandi, Presidente di Cobat - è uno degli esempi più rappresentativi di come la green economy costituisca una leva strategica su cui il Sistema Italia dovrebbe investire per una crescita incentrata sul principio della sostenibilità. Per il Consorzio è stato possibile raggiungere questo importante traguardo grazie a un intenso lavoro di squadra che mette in sinergia produttori/importatori, associazioni di categoria, impianti di trattamento e riciclo e una capillare rete logistica costituita dai Punti Cobat. Spinti dalla volontà di esplorare nuovi confini, siamo già arrivati sull’Everest con la spettacolare 'Top Recycling Mission' - realizzata assieme al Comitato EvK2NCR - per sostituire i moduli fotovoltaici e le batterie che alimentano il Laboratorio-Osservatorio Piramide, struttura per lo studio dei cambiamenti climatici a oltre 5mila metri di quota. Oggi quello stesso spirito ci ha portato a lavorare, assieme al CNR, per trovare una tecnologia affidabile per il riciclo delle batterie al litio, il cui utilizzo è più che decuplicato negli ultimi 10 anni. Per questo continueremo a evolverci per rispondere al meglio alle esigenze dei produttori, dei cittadini e delle amministrazioni”.

 

 

Roma, 26 settembre 2014

 

 

Ufficio Stampa Cobat-Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo

c/o extra comunicazione e marketing - Tel. 06.98966361

Daniela Pierpaoli - 346.6096602 - Serena Ferretti - 346.4182567

ufficiostampa@extracomunicazione.it